25 Aprile 2019

Festa grande

2000px-Flag_of_Italy.svg

 

Annunci

Ci avviciniamo

DSC_2642

Ecco ho provato a fare nuova ricetta, che in francese si chiama “Tarte Ganache”, che ho arricchito con Lamponi e Nocciole. Il risultato è buono.

La ricetta della frolla viene da La Cucina Italiana con 4 uova ed il resto di conseguenza. Ho preso una farina debole, finalmente trovata al supermercato (purtroppo 00). La frolla è venuta bene anche se forse un po’ troppo cotta. Ho seguito l’ordine tuorlo->zucchero->burro->farina che dovrebbe essere il più giusto. La pasta risulta in ogni caso un po’ dura, devo forse cuocerla meno oppure boh.

Invece ho avuto un grosso problema con la ganache; versando sopra la panna troppo calda si è separato il burro di cacao e ho dovuto buttare tutto. In futuro ricordati di non farlo. La dose è stata:

250 ml di panna fresca

300 g di cioccolato fondente

Questa dose ha consentito di fare una teglia grande con un po’ di resto (con il coppapasta ho poi fatto altre due tortine). La teglia grande è bastata per 9 persone, anche se 4 erano bambini.

Estasi

Dopo un anno torno a fare una passeggiata a San Martino di Castrozza. La montagna lentamente ma infariabilmente mi dà un senso di gioia e pace specie in solitudine e in momenti meno comuni per esempio il tramonto.

Cerco sempre di capire il motivo (potrei non farlo ovviamente). Questa volta ho sentito la presenza di spiriti benigni, certamente inesistenti ma evidentemente evocati dalla mia mente.

Cose strane

La Tosela è un formaggio assai strano e gustoso. Talvolta mi viene bene. Non l’ho saltata con il burro ma con l’olio. La crosticina è l’aspetto più importante.

Quest’anno diverso. Ma non nuovo.

In un Dicembre birichino, fra il riscaldamento globale ed un siluramento lavorativo (da notare gli articoli diversi, che danno il giusto peso e proporzione), ho cambiato un po’ ravioli. Sempre nei dintorni della tradizione.

d4e12da6-cc86-427b-b1d9-02a6aede595b

Tortelli di zucca, di Modena

Per 6 persone ho faticato parecchio a trovare dosi e proporzioni. Mi sono arrangiato come segue:

La pasta come al solito:

  • 500g di farina 00
  • 5 uova

Il ripieno

  • 1.400 di Zucca (ho trovato la piacentina e non la mantovana) il peso è con la buccia ma senza semi
  • 100 g di amaretti
  • 1/4 di pera mostarda e un cucchiaino del sugi
  • Sale
  • un bel po’ di parmigiano reggiano
  • spruzzata di limone
  • poca noce moscata

Questa volta non ho fatto friggere il burro, l’ho lasciato fondersi e basta. Il sapore è abbastanza diverso.

Una vigilia buona.